DID Liguria, Piemonte e Valle D’Aosta: la Lotta continua!

 Desidero, innanzitutto,  ringraziare i colleghi che hanno manifestato, con la loro preferenza di voto a favore di Confintesa FP, il desiderio di un cambiamento reale e non di “facciata” nelle elezioni delle RSU 2018.

Un risultato lusinghiero quello ottenuto, tenuto conto che è la prima volta che Confintesa FP si presenta nelle RSU della DID del Piemonte.

Una manciata di voti lascia “fuori” un nostro candidato: Sono le regole della Democrazia che vengono accettate con l’immutata dignità che caratterizzano le Donne e gli Uomini del Nostro sindacato.

Non è Nostro vezzo, infatti, svilire l’avversario con frasi ingiuriose/diffamatorie o fornire rappresentazioni parziali dei fatti.

Vogliamo tuttavia ricordare ai “meccanici” di una O.S. (non Rappresentativa), che CONFINTESA FP ha messo nella “FIAT 500” da Loro rappresentata una “scatola nera” (nota a verbale del CCNL sottoscritto) nonché “un sistema di frenata controllata” per moderare la “velocità in curva” e non andare a sbattere: si chiama disdetta del contratto, depositata nella stessa giornata della firma del contratto da parte della nostra O.S. 

La nostra azione, Ci teniamo a precisarlo e ribadirlo, non si è tradotta – come si è cercato di far credere – in una “mera ratifica”, ma in un “percorso obbligato” rubricato all’art. 7, commi 3 e 4, del CCNL sottoscritto in data 12 febbraio 2018.

A mente di tali disposizioni, infatti, “i soggetti sindacali titolari della contrattazione integrativa nazionale sono i rappresentanti delle organizzazioni sindacali di categoria firmatari del presente CCNL(comma 3); mentre “i soggetti sindacali titolari della contrattazione integrativa in sede territoriale o di sede unica sono: a) la rsu; b) i rappresentanti territoriali delle organizzazioni sindacali di categoria firmatari del presente CCNL” (comma 4).

Risulta evidente, stante il richiamato art. 7 del CCNL, come i provetti “meccanici” (non firmatari del CCNL) avessero la “necessità” di non dichiarare l’attivazione dei “ritrovati tecnologici” che Confintesa FP ha inserito nella “Fiat 500” proprio per evitare che si venissero a creare dei “fuori pista in curva”.

Per la qualcuno, a quanto pare, l’azione sindacale si amalgama nella scuola di pensiero “il fine giustifica i mezzi” di macchiavellica attribuzione.

Per cui poco importa se il “fine” debba essere raggiunto “ingiuriando” e rappresentando “a proprio comodo” la realtà dei fatti: così come “le bugie non si tramutano in verità solo perché le si ripete mille volte” (titolo utilizzato in un Loro comunicato), grosso modo è opportuno ricordare che una “verità parziale” non è una “verità piena” perché “falsa” la corretta analisi dei fatti…..

Noi, a differenza di altri abbiamo un’altra Scuola di pensiero: sosteniamo l’idea che “Se il fine è giusto non può essere sbagliata la lotta” (S. Bernardo).

Il nostro “fine” è quello di migliorare le aspettative e la qualità lavorativa di TUTTI i lavoratori.

La nostra “lotta” è l’impegno costante e sincero nel raggiungimento di quel “fine” che si dovrà attuare a livello Nazionale (Il nuovo CCNL che verrà) e locale (la contrattazione integrativa).

La nostra azione, anche al di fuori delle RSU DID Torino, continuerà in maniera decisa e ferma per tutelare gli interessi di ogni lavoratore.

La strada tuttavia sarà “lunga” ed in “salita”, soprattutto in sede di contrattazione integrativa per la nostra Direzione.

Eh sì…

Chi, a quanto pare, è molto ferrato con i mezzi su “ruota” ha “dimenticato” di portare a conoscenza dei lavoratori della DID un’altra storiella, anch’essa allegorica e sicuramente molto più VERITIERA:

Ogni anno, invero, si disputa un “Gran Premio ciclistico” denominato “FUA” ,che poi il Premio venga elargito in tempi “stretti” è un’altra storia….

Tutti i “ciclisti” (i lavoratori) cercano di ottenere le massime prestazioni in base al proprio impegno, capacità ed esperienze, raggiungendo degli ottimi risultati durante le “gare” annuali (prova ne è il raggiungimento degli obiettivi dei Direttori della Direzione).

Ad alcuni corridori, tuttavia, sono stati consegnati dei “pass” che consentono la partecipazione a “gare speciali” (leggasi gruppi di lavoro o GdL).

Anche altri lavoratori, ci risulta, avrebbero voluto dimostrare le proprie “abilità” in queste tipologie di gare, ma i pass non erano per tutti…. (come noto, manca la possibilità di un interpello per la partecipazione ai vari GdL).

Nel Gran Premio “FUA 2014 della DID”, sono state introdotte 2 novità:

1) premiare economicamente le “gare speciali” (non bastava, a quanto sembra, la “coppa” vinta in gara: ossia uno 0,25 punti da utilizzare nei passaggi di fascia….);

2) premiare anche “58 ciclisti” non tesserati nella “lega DID ma partecipanti comunque alle “gare speciali”.

Facciamo riferimento a 58 lavoratori degli Uffici periferici che di fatto, avendo partecipato ai GdL, hanno contribuito ad erodere (con il sistema della premialità dei GdL) il FUA dei lavoratori della DID, per necessità volute dalla DID, ma ascrivibili ai predetti Uffici.

Ecco Alcuni esempi:

 Prot. n. 2413/RI del 31 luglio 2014_ Istituzione presso la Direzione Interregionale di un Gruppo di lavoro per l’elaborazione di un progetto che definisca le competenze e gli assetti organizzativi degli Uffici di Genova 1 e Genova 2 finalizzato a consentire l’attivazione degli stessi nei tempi previsti;

 Prot. n. 2761/RI del 09 settembre 2014 _ Costituzione della Task Force per la realizzazione attivazione degli Uffici di Genova 1 e Genova 2. Prot. n. 3067/RI del 03 ottobre 2014 _ Integrazione. Prot. n. 3541 /RI del 05 novembre 2014_ Integrazione;

 Prot. n. 2980/RI del 26 settembre 2014 _Istituzione Commissione per l’esame delle istanze relative alla procedura di comando di personale per gli Uffici di Genova 1 e Genova 2;

Prot. n. 2775/RI del 09 settembre 2014 _Costituzione della Task Force per la realizzazione delle attività operative necessarie alla concreta attivazione dell’Ufficio delle Dogane di Rivalta Scrivia. Prot. n. 2861/RI del 17 settembre 2014 _ Integrazione.

Prot. n. 955/RI del 14 marzo 2014 _Istituzione del gruppo di lavoro ”Fast Clearing“ per l’individuazione, l’esame e la risoluzione di tutte le problematiche connesse alla costituzione ed all’attivazione dell’Ufficio delle Dogane di Rivalta Scrivia – Retroporto di Genova. Prot. n. 1247/RI del 7 aprile 2014 _Rideterminazione

 Prot. n. 3329/RI del 21 ottobre 2014 _Istituzione Commissione per l’esame delle istanze relative alla procedura di Comando di personale Ud La Spezia;

Prot. n. 3947/RI del 27 novembre 2014 _Istituzione di una Task Force al fine di fornire un valido supporto a tutte le attività relative alla gestione dei nuovi Uffici delle Dogane di Genova 1 e Genova 2. Prot. n. 4120 /RI del 05 dicembre 2014 _Integrazione;

 Prot. n. 3392/RI del 24 ottobre 2014 Istituzione del Gruppo di Lavoro: “Aeroporto Cuneo Alpi del mare”;

 Prot. n. 3932/RI del 27 novembre 2014_ Istituzione di una Task Force al fine di fornire un valido supporto a tutte le attività relative alla gestione del nuovo Ufficio delle Dogane di Rivalta Scrivia.

Dapprima (il 23 marzo u.s.) una bozza di Accordo ipotizzava di premiare “49 gruppi di ciclisti”, a questi sarebbero spettati, in base “ai diversi risultati conseguiti”, una medaglia placcata d’oro (€ 250), una d’argento (€200), una di bronzo (€150) ed una di legno (€ 70).

Successivamente, si sono “persi” 23 gruppi di corridori ed i restanti “26 gruppi” hanno percepito una medaglia d’oro zecchino (€ 300) una d’argento (€ 200), ed una di bronzo (€ 100).

Il Team dei “Meccanici”  ha ritenuto di avallare queste premialità a discapito di molti lavoratori della DID firmando l’accordo integrativo FUA 2014 senza spendere una sola parola sulla retribuzione dei gruppi di lavoro ….).

Fine della storia, altro che quella raccontata da chi pensa di poter prendere in giro i Lavoratori. 

Ciò non sorprende.

Si dice che: “falsi profeti sorgeranno e sedurranno molti” ma “dai loro frutti li riconoscerete!

E guarda che frutti!!!

Dapprima hanno criticato anche noi di Confintesa FP che abbiamo sottoscritto il CCNL (omettendo “i distinguo” di cui sopra) per erigersi quali “porta bandiera” del “benessere economico” dei lavoratori (si immagina di TUTTI i lavoratori…); poi, nel momento di realizzare un presunto “cambiamento positivo” per i lavoratori, raggiungono in sede di contrattazione integrativa i risultati che sono sotto gli occhi di tutti.

Noi, che abbiamo rifiutato tale logica che punisce tutto il personale escluso dai Gruppi di Lavoro, vogliamo porre un primo rimedio a queste distorsioni, dotando Tutti i colleghi della DID della stessa bici, senza alterazioni discendenti dalle “nomine” ai vari Gruppi di lavoro.                                         

Per cui continueremo, con ancor più forza, con il prossimo contratto integrativo di far valere la nostra linea sperando che altre OO.SS. si uniscano alla nostra battaglia, diretta ad escludere i gruppi di lavoro da ogni forma di “premialità economica” con il FUA dei lavoratori della DID.

Questa sarà una delle nostre “battaglie”, sicuramente una battaglia non facile a difesa di TUTTI i colleghi della DID!

                                                                             

                                                                                       Il Segretario Provinciale CONFINTESA FP

                                                                                                            GAETANO PIAZZA

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.