CHE FA’… CONCILIA?

Non c’erano i classici pizzardoni di Roma, ma per fortuna al loro posto una gentilissima funzionaria del Ministero del Lavoro.

Nulla ci aspettavamo e nulla poi si è concretizzato dopo l’espletamento delle procedure di raffreddamento di cui ex legge n. 146/1990 come modificata dalla legge n. 83/2000 cui siamo stati doverosamente chiamati.

Ferme restano le posizioni dell’Agenzia delle Entrate, altrettanto ferma resta la posizione critica di Confintesa F.P.

Senza voler tornare alla ormai conosciuta cronologia che ci ha portato all’indizione dello stato di agitazione del personale, vi alleghiamo il verbale di (fallito) tentativo di conciliazione previsto dalle norme vigenti.

Oltre il problema specifico, particolarmente sentito dai dipendenti, relativo agli aspetti economici, Confintesa FP aveva esteso l’orizzonte delle motivazioni dello stato di agitazione anche ad altri aspetti che gravano ogni giorno sulle spalle dei lavoratori dell’Agenzia.

Se si sommano i danni provocati ai lavoratori con la giusta indignazione per i ritardi colpevolmente accumulati per l’erogazione di compensi per prestazioni già rese, alle sempre più difficili condizioni lavorative cui i dipendenti dell’Agenzia sono obbligati, altro non potevamo che proclamare lo stato di agitazione di tutto il personale.

In occasione dell’incontro al Ministero del Lavoro, ci è stata ancora una volta rappresentata l’ipotesi di poter definire entro una decina di giorni gli approfondimenti richiesti a suo tempo sul tavolo negoziale, mentre Confintesa FP ha richiesto dovuta attenzione anche sugli altri aspetti che coinvolgono quotidianamente gli ormai stremati lavoratori dell’Agenzia (siano essi quelli  correlati allo stress, alla sempre più imponente carenza strutturale negli organici oppure le varie pesanti disfunzionalità organizzative tra cui i ritardi accumulati dalla procedura delle progressioni economiche).

E siccome ci sono state chieste segnalazioni e proposte, a brevissimo le presenteremo.

Proveremo anche questa strada, mentre continueranno gli incontri già programmati con i lavoratori, e valuteremo con attenzione le modalità più idonee per raggiungere gli obiettivi che ci siamo dati (quelli che i lavoratori ci hanno indicato) con una attenzione ed un senso di responsabilità che non può mancare, perché Confintesa F.P. è il sindacato dei lavoratori … e di nessun altro.

Vi terremo aggiornati sugli sviluppi.

 IL COORDINAMENTO NAZIONALE

 

FLASH 2019 N 7 – Che fa …concilia

verbale tentativo conciliazione Ministero lavoro

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.