CONFINTESA NEWS – Assegnazione risorse anno 2019 e risparmi buoni pasto e straordinario

Nell’incontro di ieri pomeriggio, 27 maggio 2021,sono stati trattati i seguenti argomenti:1) Accordi sui criteri di destinazione della quota incentivante e delle risorse assegnateall’Agenzia in attuazione della legge n. 157/2015, relative all’anno 2019.

Questa volta il confronto si è concluso, fortunatamente, senza particolari patemi d’animo, poiché si è trattato soltanto di concordare la suddivisione delle somme destinate all’incentivazione del personale, dirigente e non dirigente, per l’anno 2019, così ripartite:- € 157.155.298 (derivanti dall’applicazione dell’articolo 1, comma 7, della legge n. 157/2015 sulla riorganizzazione delle Agenzie fiscali – decreto MEF del 13.11.2020) per finanziare una quota pari al 97,6% (€ 157.155.298) per l’incentivazione del personale non dirigente ed il 2,4% (€ 3.771.727) per l’incentivazione del personale dirigente;- € 81.837.433 (derivanti dal conseguimento degli obiettivi per l’anno 2019 – decreto MEF del 27.11.2020) per finanziare il saldo della quota incentivante nella misura di € 77.870.854 per il Fondo Risorse Decentrate per il 2019 – € 1.860.000 per la retribuzione di posizione  e di risultato dei dirigenti anno 2019 – € 2.106.579per le misure di miglioramento e potenziamento dell’Agenzia.

Ora si tratta di definire i criteri di ripartizione delle suddette somme!2) Criteri di utilizzo dei risparmi ottenuti dalla mancata erogazione dei buoni pasto e dello straordinario relativi all’anno 2020.

L’Amministrazione ha reso noto che la quantità di denaro (certificato dagli Organi di controllo) non utilizzato nel corso del 2020, per straordinario e buoni pasto (articolo 1, comma 870, della legge n. 178/2020) ammonta a circa 29.633.509 euro (lordi), di cui circa 22 milioni (sempre lordi) saranno destinati, previa contrattazione integrativa, a finanziare i trattamenti economici accessori legati alla performance e alle condizioni di lavoro, oppure agli istituti del welfare integrativo di cui all’articolo 80 del CCNL (ad esempio sussidi e rimborsi).    

Come ConfIntesa abbiamo evidenziato che il denaro dovrà essere utilizzato in maniera corretta, per compensare adeguatamente i sacrifici sostenuti dal personale nel corso del 2020, a causa della pandemia. 

L’Amministrazione si è impegnata a fornirci i dati relativi alla percentuale dello smart workinge dello straordinario relativo all’anno 2020, finalizzati a definire in maniera adeguata i criteri di ripartizione delle somme, mentre le OO.SS. si sono impegnate a definire una proposta unitaria che verrà discussa con l’Amministrazione il prossimo 7 giugno 2021.

Infine, abbiamo chiesto notizie in merito ai passaggi di area: l’Amministrazione ci ha comunicato che a breve fornirà il bando che verrà analizzato in una successiva riunione.

Roma, lì 28 maggio 2021

Il Vice Coordinatore

(Salvatore Spina)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.