Progressioni tra le Aree

Nei mesi scorsi, sulla base del Piano triennale di fabbisogno del Personale già approvato e del quadro normativo allora vigente, l’Agenzia ha proposto alle parti sindacali una bozza del bando relativo alla procedura concorsuale, per titoli ed esami, destinato al Personale inquadrato in Area II, in possesso dei titoli richiesti dalla norma in vigore, per il passaggio in Area III.
Il numero di posizioni messe a bando, pari a 700 posti per unità di personale, è stata calcolata ai sensi del combinato disposto dell’articolo 52 del Decreto Legislativo 30 marzo 2001, n. 165 e dell’articolo 22, c. 15, del Decreto Legislativo 25 maggio 2017, n. 75, applicando una percentuale del 28% circa sul fabbisogno (2520 unità previste nel piano del fabbisogno).
Sebbene la previsione di un concorso per titoli ed esami, tenendo conto dei vari distinguo in merito alla necessità di una prova a quiz e/o all’esclusione assoluta dei Colleghi di Area II non in possesso di laurea, sia stata avallata da tutte le Sigle sindacali rappresentative, non possiamo esimerci dall’evidenziare quanto segue.
Il 6 agosto 2021, con la conversione definitiva in legge del decreto-legge 9 giugno 2021, n. 80 assistiamo ad una prorompente apertura in materia di Passaggi tra le Aree, effettuata dal Presidente del Consiglio dei Ministri (Draghi), dal Ministro per la pubblica amministrazione (Brunetta) e dal Ministro della Giustizia (Cartabia).
In particolare, per quanto concerne l’inquadramento dei dipendenti pubblici in aree
funzionali, l’articolo 3, comma 1 (Misure per la valorizzazione del personale e per il riconoscimento del merito) prevede che, fatta salva una riserva di almeno il 50 per cento delle posizioni disponibili destinata all’accesso dall’esterno, “le progressioni fra le aree avvengono tramite procedura comparativa basata sulla valutazione positiva conseguita dal dipendente negli ultimi tre anni di servizio, sull’assenza di provvedimenti disciplinari, sul possesso di titoli o competenze professionali ovvero di studio ulteriori rispetto a quelli previsti per l’accesso all’area dall’esterno, nonché sul numero e sulla tipologia degli incarichi rivestiti”.

In sostanza, la norma in esame, modificativa dell’articolo 52 del D.Lgs. n. 165/2001 (Testo Unico in materia di pubblico impiego), non prevede più l’espletamento di “prove volte ad accertare la capacità dei candidati di utilizzare e applicare nozioni teoriche per la soluzione di problemi specifici e casi concreti” come invece stabilito dalla previgente disposizione normativa di cui all’articolo 22, comma 15, del
D.Lgs. n. 75/2017, pertanto, in base ai principi generali di diritto, deve ritenersi implicitamente abrogata.
Ciò premesso, Confintesa Fp, pur consapevole degli sforzi effettuati dal Personale della DC prodigatosi nella formazione del citato bando di concorso, poiché lo stesso non è stato ancora pubblicato, in virtù del mutato quadro normativo sopra richiamato, con esclusivo riferimento alle progressione tra le aree, chiede che vengano apportate le seguenti modifiche:

  1. Immediata soppressione dell’articolo 4 (Prova d’esame) e di qualsiasi riferimento al tema con espressa indicazione che la graduatoria finale sarà stilata sulla base della sola valutazione positiva conseguita dal dipendente negli ultimi tre anni di servizio, sull’assenza di provvedimenti disciplinari, sul possesso di titoli o competenze professionali o di studio ulteriori rispetto a quelli previsti per l’accesso all’area dall’esterno, nonché sul numero e sulla tipologia degli incarichi rivestiti;
  2. Ove possibile, ampliare la possibilitàdi accesso alla procedura ai colleghi non in possesso di laurea, sulla base di requisiti di esperienza e professionalità maturate ed effettivamente utilizzate dall’amministrazione di appartenenza per almeno cinque anni, anche in deroga al possesso del titolo di studio richiesto per l’accesso all’area dall’esterno.

Roma, lì 12 agosto 2021
Il Vice coordinatore (Salvatore Spina)

One Response to “Progressioni tra le Aree

  • Buongiorno,
    pur essendo in prossimita’ di pensione quota 100 mi piace essere aggiornata sui prossimi eventi riguardanti l’agenzia. L’unica cosa che desidererei veramente (il condizionale e’ d’obbligo) è vedere svecchiare i ns. uffici (utopia?) e pertanto occuparsi veramente di questi ragazzi e facilitare l’ingresso con prove concorsuali meno difficoltose e meno lungaggini.
    E un domani se venissi da utente trovare sorrisi e persone giovani che non parlano sempre e solo di pensione.
    GRAZIE

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.